IVA agevolata - Global System Italia - Installazione, Assistenza Centralini telefonici, Assistenza PC , server e sistemi, antifurto casa e ufficio, Videosorveglianza

Servizio Clienti 800-984358 attivo LUN-SAB dalle 07.00 alle 00.00
Vai ai contenuti

Menu principale:

IVA agevolata

FINANCIAL > Agevolazioni statali
Normativa di legge in merito Detrazione fiscale 50% ex 36%

La Legge di Stabilità 2014 proroga al 31 dicembre 2015 il bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie.
Detrazione fiscale del 50%
Roma. L’innalzamento dal 36% al 50% della percentuale di detrazione IRPEF per le ristrutturazioni di edifici residenziali ad uso privato ed il raddoppio del tetto di spesa per ogni unità immobiliare da 48mila a 96mila euro, entrano in vigore con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 26 giugno 2012 – Supplemento Ordinario n.129 del Decreto Legge n. 83 del 22 giugno 2012 "Misure per la crescita del paese", il cosiddetto "Decreto Sviluppo".
La percentuale del 50% rimarrà in vigore solo, però, fino al 31 dicembre 2015 quando, salvo diverse disposizioni, si tornerà al 36%.
Come funziona il bonus fiscale edilizia
Fino al 31 dicembre 2017, il bonus permette di detrarre dall’Irpef le spese sostenute per interventi in singole unità abitative e parti comuni di edifici residenziali, nella misura del 50%. La detrazione - con un tetto massimo di spesa di 96.000 euro - viene ripartita in dieci quote annuali costanti.
Molteplici gli ambiti di intervento del decreto. Relativamente al settore sicurezza, come indica l'Agenzia delle Entrate, possono usufruire della detrazione "gli interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi".
Per "atti illeciti" si intendono quelli penalmente illeciti (per esempio, furto, aggressione, sequestro di persona e ogni altro reato la cui realizzazione comporti la lesione di diritti giuridicamente protetti).

In questi casi, la detrazione è applicabile unicamente alle spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili. Non rientra nell’agevolazione, per esempio, il contratto stipulato con un istituto di vigilanza.
  • Rientrano tutte le misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di tali atti illeciti, qui elencate a titolo esemplificativo:
  • rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici;
  • apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione;
  • porte blindate o rinforzate;
  • apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini;
  • installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti;
  • apposizione di saracinesche;
  • tapparelle metalliche con bloccaggi;
  • vetri antisfondamento;
  • casseforti a muro;
  • fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati;
  • apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline;
  • esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici.
  • Inoltre, l’agevolazione comprende anche la semplice riparazione di impianti "insicuri" realizzati su immobili, come, ad esempio, la sostituzione del tubo del gas o la riparazione di una presa malfunzionante.

Tra le opere agevolabili rientrano:
  • l’installazione di apparecchi di rilevazione di presenza di gas inerti;
  • il montaggio di vetri anti-infortunio;
  • l’installazione del corrimano;
  • interventi di bonifica dell’amianto, limitatamente alle unità immobiliari a carattere residenziale.

Altre spese detraibili
Oltre alle spese strettamente necessarie per l’esecuzione dei lavori, è possibile detrarre anche le spese per:
  • progettazione e prestazioni professionali
  • messa in regola degli impianti (DM 37/2008 - ex legge 46/90)
  • acquisto materiali
  • relazione di conformità
  • perizie e sopralluoghi
  • IVA, bolli e diritti per le concessioni
  • oneri di urbanizzazione.

Come beneficiare del bonus
I pagamenti devono essere effettuati con bonifico bancario o postale "parlante" conservando le ricevute per eventuali richieste degli uffici finanziari. Nella dichiarazione dei redditi occorre indicare i dati catastali dell'immobile.
È stato eliminato l'obbligo di inviare la comunicazione di inizio lavori all'Agenzia delle Entrate / Centro Operativo di Pescara.
La detrazione non è cumulabile con quella per interventi di riqualificazione energetica degli immobili.



Torna ai contenuti | Torna al menu